jeans genna for levi's
Blog

I jeans Levi’s raccontati attraverso gli spot televisivi

Icona dello stile classico americano, i jeans Levi’s hanno sempre conquistato uomini e donne grazie alla resistenza e comodità che li rendono unici. Le pubblicità della Levi’s tra gli anni ‘80 e ’90 ricorrono a giovani star per raccontare storie d’amore in cui i jeans hanno sempre un ruolo speciale.

La pubblicità, avvalendosi della sua potenza comunicativa, ha rafforzato il brand costruendo un mondo seducente grazie al supporto della musica e dello storytelling al fine di valorizzare le caratteristiche del prodotto.

È il caso dello spot che vede protagonisti un giovane soldato in partenza e la sua fidanzata. Prima di congedarsi le consegna un dono, che la ragazza apre non appena rientra nel suo appartamento. Il pacco contiene un paio di jeans, ovviamente unisex. Durante lo spot non c’è nessun dialogo, la storia si sviluppa sotto le note di When a man loves a woman di Percy Sledge.

Un’altra pubblicità che ha fatto la storia della Levi’s è quella musicata da Sam Cooke con Wonderful world  che ha per protagonista un uomo che fa il bagno con i jeans, non a caso una delle caratteristiche principali dei Levi’s è il trattamento anti restringimento.

Quello che segue è invece uno spot che sottolinea invece la resistenza agli strappi dei jeans attraverso la storia di una donna che, insieme al fidanzato, chiede aiuto a causa di un guasto alla macchina. Il soccorritore, un uomo affascinante e dal petto scolpito, si spoglia e usa i suoi jeans per rimorchiare la macchina in panne e non solo. Non c’è bisogno di nessun dialogo, l’intento del soccorritore è reso chiaro dalla canzone di sottofondo: Be my baby delle Ronettes.

Sempre la musica, questa volta dal ritmo più travolgente, fa da filo conduttore nello spot degli anni ’90 in cui la protagonista, Angie Everhart, viene rapita dal suo fidanzato che si presenta nel suo ufficio in moto porgendole un paio di jeans. Le note di The joker accompagnano la scena che si conclude con la fuga in moto dei due amanti.

Condividi su:

Leggi anche: