Jeans-Levi's-501
Blog

Levi’s 501, indossa la storia

Il 20 maggio 1873 è nato il blue jeans rinforzato con rivetti fatto di true blue denim, ma è solo nel 1890 che riceve l’iconico numero di lotto 501 che diventerà poi la firma del marchio.

I pantaloni da lavoro rivettati brevettati negli Stati Uniti da Jacob Davis e Levi Strauss originariamente erano chiamati “XX”; si trattava di un capo molto resistente che portava stampata sulla tasca interna la propria garanzia di originalità e che aveva già molti tratti peculiari di quello che di lì a poco sarebbe diventato un grande classico:

  • la tasca posteriore con i rivetti a vista
  • la chiusura a bottoni
  • la gamba dritta
  • la linea comoda sul retro e sulla cosce

Tuttavia altre caratteristiche di quel primo modello furono modificate o del tutto abbandonate molto presto.

La Levi Strauss & Co. si adattò alle esigenze dei suoi acquirenti e alle tendenze della moda: per esempio aggiungendo una seconda tasca sul retro oppure eliminando il cinturino posteriore con la fibbia per regolare la vestibilità o ancora sostituendo i bottoni per le bretelle con dei passanti per la cintura.

I 501 nel tempo hanno continuato ad evolversi variando leggermente la propria linea pur mantenendo i loro tratti distintivi. L’ultimo arrivato in casa Levi’s, un modello skinny introdotto nel 2017, è un pantalone con vita media, dal taglio dritto su fianchi e cosce, ma aderente sulla gamba che è un’evoluzione moderna del suo progenitore.

Prima di lui c’erano gli ormai classici 501 CT (Customized & Tapered) ossia customizzati e carotati, dalla gamba affusolata, più stretti all’altezza del ginocchio e dritti sui fianchi.

In entrambi i casi si tratta di modelli sia per uomo sia per donna che rispetto a quello base classico tendono a valorizzare meglio le forme del corpo.

Ecco una curiosità interessante: sin da subito le donne hanno indossato i pantaloni da uomo della Levi’s, ma si deve aspettare il 1934 per avere il Lady Levi\’s che ha le stesse caratteristiche del 501, ma risulta più femminile grazie a una vita più alta e stretta.

Tuttavia, l’impronta unisex di questi pantaloni nati a San Francisco è resa evidente dal grande successo che hanno avuto sia tra la gente comune sia tra le grandi stelle di Hollywood: uomini o donne che fossero, ognuno ha dato il proprio contributo alla celebrità dei jeans in denim.

Simbolo di americanità sin dalle loro origini, i Levi’s sono stati indossati da eroi come John Wayne, icone sexy come Marilyn Monroe che ha fortemente contribuito alla loro popolarità tra il pubblico femminile indossandoli nel film Gli spostati, rivelandone l’aspetto più sensuale.

Di contro, sono anche un simbolo di ribellione positiva, di emancipazione, di libertà e creatività. Non a caso negli anni cinquanta sono stati indossati da Marlon Brando nel film Il selvaggio e da James Dean in Gioventù bruciata.

Anche un grande numero di musicisti ha scelto i jeans per salire sul palco e farsi immortalare in fotografie e video.

Tra questi spiccano George Micheal, Madonna, Gwen Stefani e Taylor Swift che ha scelto la semplicità di un Levi’s e una t-shirt bianca nel 2014 per comparire sulla copertina di Rolling Stone, reinventando la propria immagine.

In onore di questi pantaloni che sono stati e continuano a essere simbolo della cultura e del costume adattandosi ai cambiamenti della società e del mercato è stato girato il film The 501 Documentary.

Un documentario in tre parti che racconta la storia dei blue jeans in denim e la loro influenza sulla cultura popolare: dalle origini come capo da lavoro; poi l’evoluzione verso l’estetica che ne mette in evidenza lo stile piuttosto che la funzionalità; infine, la svolta ideologica, diventano simbolo dei ribelli come skater, motociclisti, punk, rap e movimenti artistici.

Una storia ricca a cui si aggiunge un quarto capitolo dedicato al Giappone che è un esempio lampante di come la loro influenza dei travalichi i confini degli Stati Uniti, arrivando in Europa e persino nel Giappone conservatore e tradizionalista.

Storia, cultura, libertà e anticonformismo, indossare un Levi’s 501 è tutto questo e molto di più.

Condividi su:

Leggi anche: